Crescita del piede dei vostri piccoli, processo naturale o bisogna fare attenzione?

Oggi vi parlo di come prevenire eventuali piccoli problemi dovuti ad un cattivo appoggio e crescita dei piedi del nostro bambino.

Qualche giorno fa, leggendo e studiando alcuni studi ortopedici pediatrici condotti dall’Università di Bologna ho voluto approfondire l’aspetto su come riconoscere e prevenire eventuali difetti ai piedi dei più piccoli!

Andiamo a vedere insieme, già nella pancia della mamma i piedini del bambino attraversano fasi di crescita alterne, possono riguardare la parte interna o esterna, dipende dai diversi momenti di sviluppo e questa alternanza prosegue fino agli anni a venire.

Quindi, è pertanto normale che, un bambino/a dei 3-4 anni presenti i piedini dritti che si rivolgono all’interno quando cammina, con il calcagno sporgente all’infuori e l’arcata plantare abbassata.

Dai 4-5 anni i piedi tendono a crescere anche nella parte esterna, raggiungendo una conformazione stabile, simile a quella di un adulto, non prima dei 12-14 anni;

Se questa evoluzione non avviene e i piedini si mostrano rigidi e con un importante ripiegamento verso l’interno, sarà necessaria una visita da uno specialista e potrebbe trattarsi di una malformazione congenita che va verificata e tenuta sotto controllo.

L’utilizzo di scarpe adatte, esercizi correttivi e posturali possono sicuramente andare a correggere questi difetti.

Ricordiamoci però che, ogni bambino ha i suoi tempi e ognuno inizia a camminare in buona sostanza, “come vuole lui”. L’ apprendimento della deambulazione è del tutto soggettivo.